Centro per la terapia della sterilità di coppia

23 ottobre 2014

Il “Centro per la terapia della sterilità di coppia della Clinica Ostetrica e Ginecologica della Azienda Ospedaliero Universitaria (AOU) di Cagliari  è attivo sin dal 1990 ed ha grande esperienza nel campo della terapia della sterilità, in quanto ha proseguito l’attività iniziata anni addietro presso l’ Università degli Studi di Pisa. Infatti, come è facilmente dimostrabile dal numero e dalla rilevanza delle pubblicazioni internazionali su riviste prestigiose perché ogni lavoro viene pubblicato solo dopo il referaggio di esperti,  numerosi studi sono stati eseguiti allo scopo di: evidenziare le cause di sterilità anche con tecniche non invasive (ecografia transvaginale, color Doppler) in modo tale da trattare la possibile causa ed evitare così il ricorso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA), dimostrare la capacità delle diverse terapie nell’ottenere la gravidanza, capire l’approccio chirurgico migliore nella donna fertile per preservare il più possibile la sua capacità riproduttiva, anche in presenza di patologie che la influenzano negativamente.  Presso il nostro Centro il continuo studio del problema sterilità e infertilità e l’intersecarsi delle diverse conoscenze ha portato in questi anni ad una condivisione del metodo dove chirurgia, terapia medica e tecniche PMA vengono utilizzate non in rapporto a “quel che si sa fare” o “quel che si può fare” ma a “quel che si deve fare” per il bene della coppia. In questi anni presso il nostro Centro, numerose pazienti sono state sottoposte ad interventi di laparoscopia per trattamento di una patologia importante come la endometriosi pelvica associata o meno ad aderenze, sospettata mediante l’utilizzo della ecografia pelvica transvaginale: un’alta percentuale di tali pazienti, non solo ha risolto il problema sterilità ottenendo una gravidanza spontanea (senza il ricorso alle tecniche PMA), ma ha risolto anche i problemi legati a tale patologia come algie pelviche, dismenorrea e dispareuria.  Nelle pazienti con endometriosi il ricorso alle tecniche PMA ha dimostrato, come riportato dalla letteratura internazionale, risultati inferiori rispetto alle coppie affette da sterilità inspiegata o da fattore maschile; perciò la diagnosi e il successivo trattamento chirurgico di tale patologia rende più efficace il ricorso successivo alle tecniche PMA per quelle coppie nelle quali dopo almeno 6 mesi di attesa non insorge una gravidanza spontanea. Un altro esempio di patologia diagnosticabile e trattabile con terapie mirate prima del ricorso alla PMA, molto frequente in Sardegna, è la policistosi ovarica (PCOS). Tale patologia non solo determina in una alta percentuale di pazienti anovulatorietà cronica (patologia trattabile senza il ricorso alla PMA), ma rende la paziente affetta maggiormente a rischio di andare incontro agli effetti collaterali più preoccupanti delle tecniche PMA: le gravidanze multiple e la sindrome da iperstimolazione ovarica.  Presso il nostro centro la PCOS è stata studiata a lungo in tutte le sue sfaccettature endocrine, ecografiche e metaboliche e sono state ottimizzate terapie mediche adeguate che hanno consentito di valutare anche le ripercussioni che tale patologia ha sulla perfusione uterina. Ciò ha consentito di ottenere la gravidanza evitando in moltissimi casi di ricorrere alle tecniche PMA. Un centro per la terapia della sterilità dovrebbe, inoltre,  garantire la possibilità di una assistenza 24 ore su 24 alle coppie e di una ospedalizzazione, nei casi che lo richiedono, presso la propria struttura in modo che gli stessi medici che eseguono la PMA  possano seguire la paziente se insorgono effetti collaterali gravi (essendo loro i più esperti in materia). Tutto questo è possibile e viene fatto di routine presso il nostro Centro che, avendo a disposizione presso la propria struttura 41 posti letto e una guardia attiva 24 ore su 24,  ha sempre garantito l‘assistenza da parte di medici esperti in materia e ospedalizzazione alle pazienti con effetti collaterali gravi. Il nostro centro rappresenta il centro di riferimento di III livello del sud della Sardegna per la patologia ostetrica, e ha sempre seguito, quando necessario, le pazienti con gravidanze indotte con PMA con problemi ostetrici importanti, non abbandonando neanche in queste occasioni le pazienti a ospedali  con minore esperienza nel campo delle gravidanze indotte da PMA.  Il “Centro per la terapia della sterilità della AOU di Cagliari non può che essere considerato a tutti gli effetti un centro di alto livello e soprattutto “completo” perché la paziente trova nella stessa struttura la possibilità di eseguire un iter diagnostico esaustivo, accurato ed eseguito da personale “esperto in materia”, la possibilità di essere sottoposta a terapia medica mirata e ad atti chirurgici diagnostici-operativi (ad esempio la laparoscopia) in assoluta sicurezza (data dalla presenza di un reparto funzionante 24 ore su 24),  la possibilità di essere sottoposta a tutte le tecniche di PMA a bassa e alta tecnologia (nel centro vengono eseguite: monitoraggio della ovulazione singola e multipla, inseminazioni intrauterine, GIFT, FIVET, ICSI, TESE), la possibilità di assistenza 24 ore su 24 durante tutta la fase del trattamento da parte dello  stesso reparto e, quindi, dei medici “esperti in materia”, la possibilità di essere seguita in caso di gravidanza complicata (ad esempio in caso di gravidanze gemellari e plurigemellari).